Il macrobiotico 2.0

Tra i tanti aspetti della vita dell’essere umano cui la Macrobiotica è applicata per fornire strumenti per una vita migliore, quello per me più interessante e stuzzicante è quello relativo all’alimentazione.
In macrobiotica, il cibo che assumiamo ha una importanza rilevante, in quanto ciò che noi mangiamo si traduce in ciò che noi siamo. La macrobiotica ci permette di riconoscere i comportamenti alimentari e i loro effetti sul nostro corpo, per ricondurci ad una vita più salubre.
La macrobiotica non è una dieta tassativa né rigida. La macrobiotica tende al bilanciamento alimentare, abbinando cibi di un estremo alimentare all’altro, secondo uno schema studiato e descritto.
La cosa migliore però sarebbe quella di avere un’alimentazione equilibrata, scegliendo quei cibi che di loro natura hanno già una caratteristica di equilibrio, come cereali integrali, legumi, verdure. Cibi ricchi di fibra utile al nostro corpo e alla motilità intestinale.
Io da tempo sto adottando questo regime alimentare. Inizialmente per curiosità, successivamente per consapevolezza.
Ma ho voluto fare un passo avanti. Ho voluto essere un macrobiotico 2.0. e ho esteso le teorie della macrobiotica anche alla tecnologia.
Ieri mi ha contattato un operatore telefonico proponendomi il servizio Fibra, anzi Iperfibra: non potevo credere alle mie orecchie! Da convinto macrobiotico, ho accettato all’istante senza indugi.
Ma ora mi sorge un dubbio: mi sa che la fibra informatica, al di là del termine, ha poco ha che fare con quella degli alimenti.
Mi sono fregato da solo.

Giuseppe Varriale, operatore shiatsu