UN RITRATTO DI HARUHIKO MASUNAGA

Finalmente Haruhiko Masunaga sensei tornerà a Milano dopo due anni di assenza per tenere due seminari di Keiraku shiatsu (shiatsu dei meridiani) il 7-8 settembre (esclusivamente per operatori che hanno già partecipato al precedente seminario) e il 10/11 settembre. Colgo l’occasione per parlarvi di Haruhiko sensei, che stimiamo molto per capacità di insegnamento e umiltà ma anche per la sua personalità.

Per conoscere lo shiatsu ideato dal grande maestro Shizuto Masunaga, nel 2011 organizzai un viaggio a Tokyo, frequentando un breve corso di shiatsu allo Iokai Shiatsu Center, fondato da Shizuto sensei negli anni sessanta nel rione di Ueno. Qui conobbi Haruhiko Masunaga, figlio di Shizuto ed attuale direttore del centro Iokai. Terminato il breve corso allo Iokai, chiesi ad Haruhiko di venire in Italia a tenere un workshop ma egli confessò la sua paura di volare e che non avrebbe mai più preso l’aereo; tuttavia, dopo qualche giorno mi disse di sì. Oggi Haruhiko è invitato da molti maestri di shiatsu europei e tiene 3/4 corsi tutti gli anni in Europa, ma viene regolarmente nella nostra sede di Milano, in genere a giugno.
Già al primo incontro in Giappone sono stato colpito dalla sua professionalità e dal suo modo d’insegnare e trasmettere lo shiatsu, che mi ricordava il mio passato di judoka con sensei giapponesi. Il suo modo si insegnare tipicamente giapponese permette a tutti partecipanti di sperimentare la sua manualità e il suo Mu (“il vuoto”). Durante i corsi, Haruhiko insiste molto sulla pressione corretta secondo lo stile Iokai e sulla ricerca di kyo e jitsu con le quattro valutazioni di schiena, addome e allungamento di braccia e gambe. Non manca mai di ricordare qualche episodio della vita di suo padre e accennare alla filosofia orientale parlando di vita precedente, feng shui e spiritualità, argomenti cari a Shizuto. Cita spesso l’importanza del libro “Anpuku Zukai”, che suo padre riteneva avere molte similitudini con il proprio stile di shiatsu, convincendoci a pubblicarlo in italiano e a praticarne le tecniche per comprendere meglio lo shiatsu Masunaga.

Haruhiko, una ventina d’anni or sono, decise di proseguire nel diffondere lo shiatsu stile Iokai accettando la proposta di sua madre Keiko, moglie di Shizuto, che aveva continuato l’opera del marito. Trentenne, dopo una esperienza commerciale iniziò il suo percorso nello shiatsu frequentando una scuola stile Namikoshi per ottenere il diploma di operatore shiatsu che gli permettesse di lavorare in Giappone e seguendo poi gli insegnamenti dei maestri collaboratori del padre, che continuavano l’opera di Masunaga allo Iokai.
Il suo insegnamento tiene conto di tutti gli scritti, appunti e libri lasciati dal padre e della propria esperienza con lui; ad esempio, ci ha raccontato che da giovane veniva sempre curato dal padre solo con trattamenti shiatsu. Haruhiko è innamorato dell’Italia, del nostro cibo e del nostro comportamento espansivo; nelle giornate di riposo si gode visite sul lago di Como e apprezza la cucina italiana, come suo padre amava la cucina francese (come scritto nel libro “Racconti di 100 trattamenti”).

Siamo sempre in contatto con lui per la traduzione dei testi originali di Shizuto e per scambiarci notizie ed esperienze. Di Haruhiko posso dire che apprezzo molto il grande impegno che mette nello studio e nella diffusione dello shiatsu di suo padre. Nonostante non sia giovanissimo, si tiene molto in forma: ogni mattina esegue una mezz’ora di Keiraku Taiso, esercizi di allungamento dei meridiani per mantenere la salute, creati da suo padre, che li praticava più volte al giorno. Haruhiko ci ha raccontato che, da ragazzini, aveva portato i figli a giocare a bowling ma, arrivato il suo turno, non lo trovavano: era dietro una parete per sperimentare un’idea di come strutturare uno degli esercizi dell’allungamento dei meridiani…

Lo aspettiamo a settembre e attendiamo come ogni anno che ci illustri le manualità e la filosofia dello shiatsu originale Masunaga.

Roberto Palasciano, curatore editoriale